Il mondo deve prepararsi per una calda corrente di El Niño che quest’anno farà aumentare le temperature a livelli record: le possibilità raggiungeranno il 60% da maggio a luglio e poi aumenterà al 70% tra giugno e agosto e all’80% tra luglio e settembre, ha affermato oggi a Ginevra l’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo). «Lo sviluppo di un El Niño porterà molto probabilmente a un nuovo picco nel riscaldamento globale e aumenterà la possibilità di battere i record di temperatura», ha affermato Petteri Taalas, capo dell’Organizzazione meteorologica mondiale delle Nazioni Unite.

Secondo i rapporti sullo stato del clima globale dell’OMM, il 2016 è stato l’anno più caldo mai registrato a causa del “doppio colpo” di un evento molto potente di El Niño e del riscaldamento indotto dall’uomo dovuto ai gas serra. L’effetto sulle temperature globali di solito si manifesta nell’anno successivo al suo sviluppo e quindi sarà probabilmente più evidente nel 2024.

“Il mondo dovrebbe prepararsi allo sviluppo di El Niño, che è spesso associato a un aumento del caldo, della siccità o delle precipitazioni in diverse parti del mondo. Potrebbe portare sollievo dalla siccità nel Corno d’Africa e da altri impatti legati a La Niña, ma potrebbe anche innescare eventi meteorologici e climatici più estremi. Ciò evidenzia la necessità dell’iniziativa di allerta precoce delle Nazioni Unite per tutti per mantenere le persone al sicuro”, ha affermato il prof. Taalas.

Non esistono due eventi di El Niño uguali e gli effetti dipendono in parte dal periodo dell’anno. WMO e National Meteorological Hydrological Services seguiranno quindi da vicino gli sviluppi.

El Niño è un modello climatico naturale associato al riscaldamento delle temperature superficiali dell’oceano nell’Oceano Pacifico tropicale centrale e orientale. Si verifica in media ogni due o sette anni e gli episodi di solito durano dai nove ai dodici mesi.

Gli eventi di El Niño sono tipicamente associati a un aumento delle precipitazioni in alcune parti del Sud America meridionale, degli Stati Uniti meridionali, del Corno d’Africa e dell’Asia centrale.

Al contrario, El Niño può anche causare gravi siccità in Australia, Indonesia e parti dell’Asia meridionale.

Durante l’estate boreale, l’acqua calda di El Niño può alimentare gli uragani nell’Oceano Pacifico centro-orientale, mentre ostacola la formazione degli uragani nel bacino atlantico.

What's your reaction?
Thank you for your vote!
Post rating: 0 from 5 (according 0 votes)

Aggiungi Un Commento

Rimani sempre aggiornato

Cambia il pianeta insieme a noi, rimani informato con la newsletter VAS

Powered by: nabo.digital © 2024. All Rights Reserved.

vai su