Ok della Camera all’emendamento “salva-trivelle” già attive

 

L’aula della Camera ha approvato, dopo un lungo dibattito, con 235 favorevoli, 137 contrari e 7 astenuti, l’emendamento della commissione Ambiente della Camera al ddl Parchi per chiarire che “nel territorio dei Parchi e nelle aree contigue, le attività di prospezione, ricerca, estrazione e sfruttamento di idrocarburi liquidi e gassosi” saranno vietate “fatte salve le attività estrattive in corso e quelle ad esse strettamente conseguenti“. 

L’emendamento agisce sul divieto di prospezione, ricerca, estrazione e sfruttamento di idrocarburi liquidi e gassosi, introdotto nel corso dell’esame della commissione Ambiente di Montecitorio, per salvaguardare le attività già in essere nei Parchi.

La correzione si è resa necessaria dopo la bocciatura della norma da parte della Ragioneria dello Stato, che ha spinto la commissione Bilancio a condizionare il suo parere favorevole proprio all’accoglimento dell’emendamento della commissione Ambiente.

Per la Ragioneria un divieto del genere avrebbe comportato minori entrate per lo Stato a causa della riduzione delle royalties.

L’emendamento – chiarisce il relatore al ddl Parchi Enrico Borghi (Pd) – fa salve unicamente le attività estrattive di idrocarburi già esistenti e le sole attività strettamente collegate alle estrazioni in corso, quali, ad esempio, le attività di messa in sicurezza o di manutenzione di pozzi esistenti, oltre ovviamente al ripristino ambientale.  

Pertanto a mio giudizio la norma vieta nuova ricerca, nuove estrazioni e nuove prospezioni“. 

 

(ANSA del 23 maggio 2017, ore 19:51)

What's your reaction?
Thank you for your vote!
Post rating: 0 from 5 (according 0 votes)

Aggiungi Un Commento

Rimani sempre aggiornato

Cambia il pianeta insieme a noi, rimani informato con la newsletter VAS

Powered by: nabo.digital © 2024. All Rights Reserved.

vai su